CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA

ED ASSISTENZA GEOMETRI

La Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti (già Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza a favore dei Geometri) è l’Ente previdenziale della nostra Categoria, privatizzato e trasformato in associazione di diritto privato dal 01/01/1995 per effetto del Decreto Legislativo n. 509 del 30/06/1994.

La legge 20 ottobre 1982, n. 773 (G.U. n. 295 del 26 ottobre 1982) è la principale fonte legislativa in proposito.

Compiti della Cassa di Previdenza:

  • Corresponsioni delle pensioni (vecchiaia, anzianità, inabilità e invalidità, ai superstiti)
  • Corresponsione di indennità di maternità
  • Corresponsione di provvidenze straordinarie
  • Concessione di mutui e finanziamenti

Inoltre la Cassa di Previdenza si occupa di:

  • Iscrizioni Praticanti Cassa Previdenza
  • Riscatti previdenziali: Praticantato, Servizio militare e civile, Laurea e Solidarietà
  • Ricongiunzione e Totalizzazione contributiva
  • Rimborsi e sgravi contributi
  • Consegna di atti e documenti
  • Rilascio di certificati regolarità contributiva DURC
  • Assistenza pensionati:
  • Modelli DF-RED
  • Certificazione Unica Fiscale
  • Rettifica di dati anagrafici, contributivi e reddituali
  • Estratti conto assicurativi
  • Attività di Vigilanza
  • Verifica Finanze 

Ogni quattro anni, presso ciascun Collegio, si svolgono le votazioni per il rinnovo del Comitato dei Delegati Cassa, a cui è dovere di ogni iscritto partecipare.

L’iscrizione alla Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza Geometri è OBBLIGATORIA per tutti gli iscritti all’Albo che esercitano la libera professione, anche senza carattere di continuità ed esclusività. L’esercizio della libera professione si presume per tutti gli iscritti all’Albo fino a prova contraria fornita dall’interessato, che dovrà documentare di non svolgere alcuna attività professionale. Più specificatamente nel concetto di esercizio della professione deve essere compreso “oltre all’espletamento delle prestazioni professionali (ossia delle attività riservate agli iscritti degli appositi albi) anche l’esercizio di attività che, pur non professionalmente tipiche, presentino, tuttavia un “nesso” con l’attività professionale strettamente intesa, in quanto richiedono le stesse competenze tecniche di cui il professionista ordinariamente si avvale nell’esercizio dell’attività professionale e nel cui svolgimento, quindi, mette a frutto (anche) la specifica cultura che gli deriva dalla formazione tipologicamente propria della sua professione”.

L’iscrizione è volontaria per i Praticanti regolarmente iscritti negli appositi Registri tenuti dai Collegio con particolari agevolazioni per il pagamento della dovuta contribuzione in 1/4 della contribuzione soggettiva minima, è fissata per l'anno 2017 in € 812,50 e costituirà anzianità di contribuzione ai fini della pensione.

Per i Praticanti che non si iscrivono anticipatamente alla Cassa e successivamente all’iscrizione all’Albo Professionale, vi è la possibilità di riscatto del periodo di 18 mesi di pratica, prevedendo la possibilità del versamento, anche rateizzato, della riserva matematica, da calcolarsi in conformità al principio di cui all'art.13 della legge 1338/62 rapportata alla contribuzione dell'anno di riferimento prevista per i neo-diplomati.

La contribuzione è soggetta al principio della frazionabilità in mesi che viene quindi corrisposta dagli iscritti in relazione ai mesi di effettiva iscrizione.

Per il funzionamento della Cassa di Previdenza, tutti gli iscritti alla Cassa devono contribuire con dei versamenti obbligatori:

  • contributo soggettivo, che è il previdenziale ed è deducibile ai fini IRPEF
  • contributo integrativo che è la maggiorazione percentuale del 5% che si applica su         ogni parcella professionale
  •  contributo maternità che serve per la copertura degli oneri relativi all'erogazione dell'indennità di maternità alle iscritte alla Cassa (L.379/90);

 

VERSAMENTI MINIMI OBBLIGATORI 2017

CASSA DI PREVIDENZA GEOMETRI

 

ISCRITTI OBBLIGATORI:

  • CONTRIBUTO SOGGETTIVO:

     15% del reddito netto professionale, con un minimo di € 3.250,00

              (artt. 10 e 16 legge 773/82)

Per i redditi eccedenti € 152.650,00  la percentuale è ridotta al 3,5%

  • CONTRIBUTO INTEGRATIVO:

      5% del volume d’affari I.V.A. relativo all’attività professionale, da applicarsi in parcella quale maggiorazione percentuale, con un minimo di € 1.625,00 (art. 11 legge 773/82 e successive modifiche)

  • CONTRIBUTO INDENNITA’ MATERNITA’:

            Per la copertura degli oneri relativi all’indennità di maternità per le professioniste   

    madri pari a € 8,00

A tal proposito si ricorda la dicitura da citare in ogni parcella professionale e gli estremi normativi della maggiorazione percentuale 5% da applicare su tutti i corrispettivi rientranti nel volume d'affari ai fini IVA per i geometri iscritti all'Albo Professionale:

5% contributo integrativo CIPAG (Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza Geometri)

Art. 2  del Regolamento sulla Contribuzione CIPAG, comma 5


Dal 1° gennaio 2015 è stato disposto l’innalzamento dell’aliquota per il calcolo del contributo integrativo dal 4% al 5%, come previsto dalla delibera adottata dal Comitato dei Delegati il 24/11/2011, e già approvata dai Ministeri vigilanti, che contiene i provvedimenti indispensabili per rispettare gli obiettivi di sostenibilità a 50 anni imposti dalla Legge Fornero n. 214/2011.

Tale aumento non si applica per le prestazioni professionali effettuate alle Pubbliche Amministrazioni di cui all’ elenco presente sul sito Collegio, per le quali rimane in vigore l’aliquota del 4%.

 
var1: var2: var3: var4: var5: var6: